giovedì 9 luglio 2009

yoga libero a villa pamphili # 11-12 LUGLIO 09

Sabato 11 e domenica 12 giugno yoga a villa Pamphili. Per chi vuole partecipare l'appuntamento è per le ore 10 davanti al bar della villa (ingresso via Vitellia-via Leone XIII); per vostra comodità portate un telo o un materassino. Chi può, ci avverta che viene, sul blog, alla mail slvfiori@yahoo.it o al tel. 393 9120085

fla+Silvia+Vale


Visualizzazione ingrandita della mappa

lunedì 6 luglio 2009

Lavoro cooperativo in politica. COXSA?

Ho trovato un simpatico articolo su POSSE sull'organizzazione aziendale della militanza rivoluzionaria negli USA.... potremmo prenderlo in considerazione per i nostri incontri, che dite?

http://www.posseweb.net/spip.php?article150 di Stefano Sensi

Cambiare le regole del gioco?
Qui da noi, negli US, le cose, sotto il profilo organizzativo sembrano funzionare un po’ meglio. Senza perderci in quelle che possano essere le matrici filosofiche/ideologiche della questione, i compagni non sono solo, di fatto, più pragmatici e fattivi, ma anche più motivati. Il modello organizzativo più diffuso, il consensus model *, decisamente aiuta. La partecipazione é sentita, la leadership é realmente condivisa. Si fa largo uso della rotazione e si evitano pericolose cristallizzazioni del potere decisionale nelle mani di pochi. Quando ci si riunisce lo si fa con dei goals organizzativi da raggiungere e di solito, at the end of the day, gli obiettivi vengono conseguiti. Ben pochi di noi fanno politica a tempo pieno. Molti hanno lavoro, figli, famiglie a/da cui rubano/liberano tempo. Nelle poche ore in cui si vede settimanalmente, é imperativo riuscire a fare il più possibile. La discussione é intensa ma fortemente contingentata, ma il momento della riflessione filosofica e, perchè no, ideologica é spesso separato. Quando si vuole mettere sul tavolo questioni che più squisitamente interessano il quid ontologico del nostro agire si sceglie di farlo con altri formati, spesso più gioiosi, come per esempio lunghe, interminabili queste sì, serate/notti a casa di qualche compagno. Ma come funziona il consensus model? Attraverso il consenso, il gruppo lavora sulle proprie differenze, lima i contrasti, cerca di raggiungere una posizione reciprocamente soddisfacente e che sia soprattutto la reale espressione di un sentire comune. La partecipazione é incoraggiata, ogni compagno viene invitato a proporre/modificare/interagire. Si evita che una singola persona o un sottogruppo tengano in ostaggio il gruppo intero. Si incoraggia l’espressione di differenti soggettività e si rimuove quel così frequente senso di alienazione, rispetto alle decisioni prese, che caratterizza modelli assembleari in cui si decide tramite votazione. Si produce, una forte responsabilizzazione dei singoli individui e, soprattutto, si incentiva una forte determinazione da parte di tutti ad implementare le decisioni prese, in quanto sentite come “proprie”. Come ci si organizza? Alcuni ruoli chiave garantiscono il funzionamento di riunioni e assemblee. A rotazione, punto assai critico, questi ruoli vengono esercitati da ogni partecipante. Il facilitator favorisce l’interazione fra le persone e disincaglia la discussione laddove questa si areni su issues che sono off topic. Fondamentale é che il facilitator non eserciti nessun controllo su quelli che sono i contenuti delle discussioni ma coordini soltanto lo svolgimento delle “danze”. Un maestro di cerimonie, insomma, che agisce in maniera “metasistemica” facendo in modo che le temporanee e sempre mutevoli /interazioni/alleanze/collisioni che si vengono a creare fra i vari sottosistemi non portino alla distruzione del “sistema” meeting ma vengano, al contrario, armonizzate e convogliate al raggiungimento di un obiettivo comune. Altro ruolo di cruciale importanza é quello del note taker che verbalizza quanto avviene durante la riunione e permette un’analisi, a posteriori e “a freddo”, di come si sia articolata la discussione e di quali dinamiche personali e di gruppo abbiano attraversato il meeting. Il time keeper fa si che i tempi dei singoli interventi, così come il tempo dedicato ai singoli topics in agenda, vengano rispettati. C’é infine un vibes-watcher, una sorta di “termometro”, del gruppo che aiuta il facilitator nel valutare quali siano gli umori generali del gruppo ed individua possibili aree problematiche. I vibes-watchers pongono particolare attenzione, per esempio, a che discussione e processi decisionali siano gender balanced assicurando una partecipazione paritaria. Un aspetto questo che, in Italia, mi pare quanto mai critico visto l’ancor troppo frequente monopolio maschile.

venerdì 3 luglio 2009

Circolo Epicureo a villa Pamphili - 12 luglio - la Ragione

Nella forma del circolo epicureo, (riunione filosofica informale e orizzontale) vorrei affrontare un tema che mi dà da pensare ultimamente. Stimolato dalla lettura di alcuni testi quali L’eclisse della ragione di Max Horkeimer, Un'etica per la politica di Bertrand Russell e Della certezza di Wittgenstein, avrei piacere di confrontarmi con voi sul significato di RAGIONE e della possibilità di Libertà che ne deriva. I due temi , infatti sono molto legati, dove non c’è ragione, è forse impossibile che ci sia libertà, almeno questa è l’idea di alcuni pensatori, per altri invece, esattamente il contrario.

Non ho intenzione di fare una conferenza ma, cercando di definire nei termini del linguaggio comune, quali sono i vari possibili modi di interpretare questi termini, cercare di capire se una “ragione” oggettiva e non strumentale esiste e quali soluzioni ci suggerisce. Si tratta insomma di cercare di capire se possiamo dire con certezza che “qualcosa è meglio di qualcos’altro” senza che l’interesse ci si metta di mezzo. Se quindi, ad esempio, una critica al capitalismo sia possibile da un punto di vista razionale e non soltanto religioso o utilitaristico.

Se riuscissimo in questo intento, che può sembrare velleitario ma non lo è assolutamente, renderemmo un grande servigio a quelle masse di rassegnati al totalitarismo, costretti a pensare oggi che la ragione non è che la faccia istituzionale del potere economico.

Proporrei come luogo villa pamphili per il giorno Domenica 12 luglio... ore 15,30 alla villa storica...

Matteo X