mercoledì 30 marzo 2011

1 maggio 2011 Papa Giovanni Paolo Beato alla faccia dei lavoratori!

Il papa, che ha salutato la fine del socialismo sovietico e la dittatura di Pinochet in Cile, beato nel giorno della festa dei lavoratori.

Vi saluto e amen.

6 aprile 1987. Lo stesso balcone. (nel collegamento la foto di Wojtyla con Pinochet)

http://www.flickr.com/photos/ussaro/319401513/

A 30 anni dal golpe, la legittimazione più calorosa arrivò al dittatore Augusto Pinochet dalle stanze del Vaticano.
18 febbraio 1993: la privatissima ricorrenza delle sue nozze d’oro viene allietata da due lettere autografe in spagnolo che esprimono amicizia e stima e portano in calce le firme di papa Wojtyla e del segretario di Stato Angelo Sodano.

«Al generale Augusto Pinochet Ugarte e alla sua distinta sposa, Signora Lucia Hiriarde Pinochet, in occasione delle loro nozze d’oro matrimoniali e come pegno di abbondanti grazie divine", scrive senza imbarazzo il Sommo Pontefice, "con grande piacere impartisco, così come ai loro figli e nipoti, una benedizione apostolica speciale. Giovanni Paolo II».

Ancor più caloroso e prodigo di apprezzamenti è il messaggio di Sodano, che era stato nunzio apostolico in Cile dal ’77 all’88, e che nell’87 aveva perorato e organizzato la visita del papa a Santiago, trascurando le accese proteste dei circoli cattolici impegnati nella difesa dei diritti umani.

Il cardinale scrive di aver ricevuto dal pontefice «il compito di far pervenire a Sua Eccellenza e alla sua distinta sposa l’autografo pontificio qui accluso, come espressione di particolare benevolenza». E aggiunge: «Sua Santità conserva il commosso ricordo del suo incontro con i membri della sua famiglia in occasione della sua straordinaria visita pastorale in Cile». E conclude, riaffermando al signor Generale "l’espressione della mia più alta e distinta considerazione".

from www.disinformazione.it/11settembre1973.htm

Salvador Allende, Victor Jara e le centinaia di migliaia di innocenti torturati e massacrati dal generale Augusto Pinochet e dal suo regime, attendono ancora (ma ormai invano) una "benedizione apostolica speciale" e "l’espressione della più alta e distinta considerazione"....


Nessun commento: